Home > Società > storia > guerra d etiopia

Guerra D Etiopia

guerra d etiopia

Dietro a questa campagna propagandistica però non c'era nulla di concreto solo nell'estate del 1932 con la stesura da parte dell'ambasciatore a Madrid Raffaele Guariglia della lunghissima Relazione sull'Etiopia viene delineata una politica precisa che voleva terminare l'inconcludente politica d'amicizia con Addis Abeba rafforzare i dispositivi militari dell'Eritrea e della Somalia e dare il via ad una politica di forza perché «Se noi vogliamo dare un'espansione coloniale al nostro Paese anzi per dire una parola grossa formare un vero Impero Coloniale italiano non possiamo cercare di fare ciò in altro modo che spingendoci verso l'Etiopia» affermando comunque che una campagna militare sarebbe sta impensabile senza prima ottenere il consenso della Francia e della Gran Bretagna

Altre forze stavano affluendo e assieme a loro venne importato tutto quanto era necessario l'Eritrea era una regione molto povera così dall'Italia dovette arrivare legname cemento grano tessuto metallo e ogni altro genere necessario al fabbisogno di quasi un milione di uomini Problemi non dissimili furono affrontati anche dall'aeronautica che dovette sopperire alla mancanza di aeroporti per far decollare e manutenere i 318 velivoli inviati durante la guerra in Eritrea e i 132 in Somalia

Dettagli su guerra d etiopia

Guerra

cercare Guerra

Disambiguazione Se stai cercando la guerra tra l'Italia e l'Etiopia degli anni 1895 1896 vedi Guerra di Abissinia

scatenare Guerra

Questi temi fecero più presa nella popolazione rispetto ai triti concetti legati al «vendicare Adua» e alle «provocazioni abissine» e ormai ritenute dall'opinione pubblica come pretesti puerili e insufficienti a scatenare una guerra

durare Guerra

Altre forze stavano affluendo e assieme a loro venne importato tutto quanto era necessario l'Eritrea era una regione molto povera così dall'Italia dovette arrivare legname cemento grano tessuto metallo e ogni altro genere necessario al fabbisogno di quasi un milione di uomini Problemi non dissimili furono affrontati anche dall'aeronautica che dovette sopperire alla mancanza di aeroporti per far decollare e manutenere i 318 velivoli inviati durante la guerra in Eritrea e i 132 in Somalia

ricorrere Guerra

Di fronte alla resistenza degli etiopi Mussolini nel febbraio 1936 non esitò a prospettare il ricorso addirittura alla guerra batteriologica

sfuggire Guerra

Lo scorso anno commosse il mondo la foto di Aylan Kurdi bimbo siriano di 3 anni che giaceva riverso e ormai senza vita sulla spiagga di Bodrum Turchia mentre emigrava per tentare di sfuggire alla guerra in Siria

Sanzioni

esprimere Sanzioni

L'aggressione dell'Italia contro l'impero d'Etiopia all'epoca uno dei due soli stati assieme alla Liberia indipendenti dell'Africa ebbe delle conseguenze anche da parte della comunità internazionale che si espresse con delle sanzioni economiche all'Italia fascista

condividere Sanzioni

ciò nonostante una parte della società britannica non condivideva le sanzioni

imporre Sanzioni

La Società delle Nazioni di cui fa parte anche l`Etiopia condanna l`Italia come stato aggressore e impone le sanzioni economiche

applicare Sanzioni

Nel frattempo l’opinione pubblica mondiale che già da prima dell’invasione fu ostile divenne irremovibile e l’Italia fu condannata dalla che decise di applicare delle sanzioni

Campagna

studiare Campagna

La colonia primogenita fino agli anni Trenta non fu oggetto di dibattito pubblico limitato ai circoli coloniali e alle società di esploratori ma vennero mantenuti solo rapporti economici e diplomatici almeno fino al novembre 1932 quando Benito Mussolini invitò il ministro delle Colonie Emilio De Bono a preparare uno studio per una campagna militare contro l'Etiopia

durare Campagna

Emilio De Bono in Abissinia all'inizio della guerra Il 6 ottobre tre corpi d'armata italiani occuparono Adua cittadina presso la quale gli italiani avevano subito una cocente sconfitta nel 1896 durante la campagna d'Africa Orientale

compromettere Campagna

Se la guarnigione di Passo Uarieu avesse ceduto gli abissini sarebbero dilagati nella piana di Macallè compromettendo l'intera campagna bellica

correre Campagna

Non sono riportati altri casi di uso proiettili d'artiglieria a caricamento chimico nel corso della campagna

Parte

perdutosi Parte

A Mai Ceu secondo i racconti i soldati abissini istruiti a "sentire l'odore" "cambiare strada" e "lavarsi subito se contaminati" avrebbero attraversato prima di entrare in battaglia un "cordone di iprite" che durante la notte aveva perso parte della sua efficacia

controllare Parte

L’attacco etiopico fece da collante con le idee che il fascismo stava maturando ossia quella di creare una sorta d’impero per controllare gran parte del Mediterraneo

mancare Parte

pur essendovi nell'insieme un consenso ampio alla politica del governo non mancarono da parte della cittadinanza riserve e rilievi critici

Fronte

sganciare Fronte

Secondo i dati ufficiali della Regia Aeronautica furono sganciate sul fronte sud 173 bombe all'iprite da kg

utilizzare Fronte

Oltre ad alcune centinaia di vecchie bombe da 21 kg anche esse con caricamento ad iprite utilizzate solo sul fronte della Somalia e circa 450 bombe da 31 e da 40 kg

Forze

difendere Forze

Il XII battaglione ascari intervenne per salvare i pochi sopravvissuti e ripiegare nuovamente su Passo Uarieu difeso dalle forze della 2ª Divisione CC

combattere Forze

500 ascari militi indigeni che combattevano con le forze coloniali 9

Consenso

ottenere Consenso

Dietro a questa campagna propagandistica però non c'era nulla di concreto solo nell'estate del 1932 con la stesura da parte dell'ambasciatore a Madrid Raffaele Guariglia della lunghissima Relazione sull'Etiopia viene delineata una politica precisa che voleva terminare l'inconcludente politica d'amicizia con Addis Abeba rafforzare i dispositivi militari dell'Eritrea e della Somalia e dare il via ad una politica di forza perché «Se noi vogliamo dare un'espansione coloniale al nostro Paese anzi per dire una parola grossa formare un vero Impero Coloniale italiano non possiamo cercare di fare ciò in altro modo che spingendoci verso l'Etiopia» affermando comunque che una campagna militare sarebbe sta impensabile senza prima ottenere il consenso della Francia e della Gran Bretagna

rafforzare Consenso

Il catalogo si sofferma quindi su un congresso internazionale di forze di sinistra tenutosi a Bruxelles il 12 dicembre 1935 dal quale emersero proposte di richiesta di sanzioni da inoltrare agli organismi internazionali competenti richieste che incontrarono l'opposizione dei bordighiani convinti che altre sanzioni non avrebbero che rafforzato il consenso attorno al regime

Ruolo

difendere Ruolo

Questi l'anno successivo assunse anche le funzioni di capo di stato maggiore dell'esercito anche se buona parte delle attribuzioni passarono di fatto al generale Alberto Pariani dopo l'esonero del generale Alberto Bonzani che cercò di difendere il suo ruolo e la priorità della politica europea rispetto a quella coloniale Alla fine del 1934 si arrivò dunque ad un accordo di massima tra i comandi militari incentrato su due punti

avere Ruolo

Fu l'aeronautica che ebbe il ruolo principale nella guerra chimica in Etiopia

Sanzioni Economiche

esprimere Sanzioni Economiche

imporre Sanzioni Economiche

Nazioni

votare Nazioni

infatti gli USA pur condannando l'attacco italiano ritenevano inappropriato che le sanzioni fossero state votate da nazioni con imperi coloniali come Francia e Gran Bretagna

Stato

invasare Stato

il Giappone a sua volta ne era uscito nel 1932 subito dopo aver creato sulla regione invasa lo stato fantoccio ma formalmente indipendente del Manciukuò

Resistenza

dopare Resistenza

L'Africa Orientale Italiana cessò definitivamente di esistere nel dicembre 1941 sotto i colpi dell'esercito britannico dopo una resistenza disperata messa in atto dalle truppe italiane soprattutto nella battaglia di Cheren e nel novembre al comando del generale Guglielmo Nasi a Gondar l'ultimo baluardo di resistenza dopo che Addis Abeba si era arresa alle forze britanniche in maggio

Anni

dire Anni

guerra all'Etiopia o come si diceva in quegli anni all'Abissinia"

Fascismo

durare Fascismo

Con questa frase strettamente cronachistica si apre una pubblicazione di grande interesse per quanti vogliono conoscere e approfondire la propria conoscenza della politica coloniale italiana durante il fascismo

Essere

risultare Essere

I morti dell'esercito risultano essere 2

Nord

impegnarsi Nord

Seconda Guerra Mondiale e caduta del fascismo Appunto di storia sulla prima fase della guerra che vide i tedeschi impegnati nel nord Europa dove l'obiettivo era occu

Numero

avere Numero

non da meno fu quello francese mentre Germania e Belgio ebbero un numero inferiore di colonie rispetto alle altre due ma un numero ad ogni modo rispettabile

Analisi

affiancare Analisi

Caratterizzato da interventi che a informazioni dettagliate affiancano profonde analisi il catalogo

Mezzi

equipaggiarsi Mezzi

000 àscari eritrei equipaggiati con mezzi moderni e un'impostazione cauta delle operazioni