Home > Salute > medicina > termoablazione metastasi epatiche

Termoablazione Metastasi Epatiche

termoablazione metastasi epatiche

In generale l’intervento chirurgico consiste nella asportazione della lesione tumorale e di una porzione circostante di fegato affinché vi sia almeno 1 cm di tessuto sano tra il margine del tumore e la linea di sezione del fegato sebbene in condizioni particolari sia accettabile anche un margine di tessuto sano meno spesso se ciò può consentire l’asportazione completa del tumore preservando quantità sufficienti di fegato

Sebbene tradizionalmente l’indicazione alla asportazione chirurgica sia riservata solo ai pazienti con metastasi esclusivamente nel fegato recenti studi suggeriscono incoraggianti risultati a distanza anche nei portatori di metastasi nel fegato e in sedi addominali extraepatiche linfonodi peritoneo surreni o extraaddominali polmone purché l’intervento porti alla asportazione di tutte le aree tumorali

Dettagli su termoablazione metastasi epatiche

Fegato

trapiantare Fegato

Nel corso degli anni per l'epatocarcinoma diagnosticato in stadio precoce sono state sviluppate tecniche chirurgiche capaci di curare la malattia e prolungare in modo significativo la sopravvivenza del paziente attraverso per esempio la resezione chirurgica e il trapianto di fegato

avere Fegato

Inoltre si stima che quasi la metà 40% dei pazienti deceduti per cancro in qualsiasi organo abbiano metastasi al fegato

colonizzare Fegato

L'anatomia spiega in parte la forte tendenza delle cellule dei tumori intestinali a colonizzare il fegato

consentire Fegato

È anche possibile programmare di asportare tutte le metastasi attraverso due interventi a distanza di 3 4 mesi "two stage hepatectomy" per consentire al fegato di rigenerare tra un intervento ed il successivo

Tumore

impedire Tumore

Attualmente non esistono strategie di prevenzione efficaci oltre alla chemioterapia per impedire a un tumore di dare metastasi al fegato

Attualmente non esistono strategie di prevenzione efficaci per impedire a un tumore di dare metastasi al fegato

colare Tumore

Resezione Epatica Laparoscopica Terapia chirurgica per colangiocarcinoma ilare e trapianto di fegato Resezioni epatiche sincrone da adenocarcinoma colo rettale L'epatocarcinoma tumore al fegato è il quinto tumore più frequente nel mondo

completare Tumore

Per un trattamento definitivo le tecniche ablative possono infatti offrire rispetto alla resezione un'alternativa a basso rischio con funzioni non solo palliative ma curative per la loro capacità di ottenere una distruzione focale completa del tumore

Rischio

ridurre Rischio

punteggiare Rischio

I diversi fattori che influenzano la sopravvivenza del paziente dopo asportazione chirurgica di metastasi da carcinoma colorettale possono essere combinati per creare dei punteggi di rischio “risk score” per recidiva della malattia a distanza

I diversi fattori che influenzano la sopravvivenza del paziente dopo asportazione chirurgica di metastasi da carcinoma colorettale possono essere combinati per creare dei punteggi di rischio "risk score" per recidiva della malattia a distanza

Esami

esitare Esami

Il paziente deve presentarsi in ospedale con gli esiti degli esami richiesti

mediare Esami

La diagnosi viene quasi sempre effettuata mediante esami strumentali ecografia TAC MR e PET ed ematici marcatori tumorali come CEA e CA 19 9

dopare Esami

Risultati

ottenere Risultati

le scelte terapeutiche chirurgia chemioterapia ecc devono essere condivise dai diversi specialisti del team e dal paziente per ottimizzare il percorso di cura e ottenere buoni risultati a breve e lungo termine

suggerire Risultati

Sebbene tradizionalmente l’indicazione alla asportazione chirurgica sia riservata solo ai pazienti con metastasi esclusivamente nel fegato recenti studi suggeriscono incoraggianti risultati a distanza anche nei portatori di metastasi nel fegato e in sedi addominali extraepatiche linfonodi peritoneo surreni o extraaddominali polmone purché l’intervento porti alla asportazione di tutte le aree tumorali

Sebbene tradizionalmente l'indicazione alla asportazione chirurgica sia riservata solo ai pazienti con metastasi esclusivamente nel fegato recenti studi suggeriscono incoraggianti risultati a distanza anche nei portatori di contemporanee metastasi nel fegato ed in sedi addominali extraepatiche purché l'intervento porti alla asportazione di tutte le aree tumorali

consolidare Risultati

La chemioterapia sistemica viene spesso proposta ai pazienti con metastasi da tumore colorettale anche ai candidati a chirurgia con poche eccezioni prima chemioterapia neoadiuvante e/o dopo chemioterapia adiuvante l’intervento al fegato proprio in quanto permette di consolidare i risultati a lungo termine della chirurgia

Malattia

completare Malattia

stabilire Malattia

In alcuni casi possono essere effettuati anche test genetici e molecolari per verificare l'eventuale presenza nel tumore di alcune molecole bersaglio utili per Assegnare uno stadio al cancro significa stabilire quanto la malattia è diffusa nell'organismo

Dimensioni

raggiungere Dimensioni

determinare Dimensioni

La tecnica non può essere ad esempio utilizzata su tutti i pazienti perché la massa tumorale dev’essere raggiungibile non nascosta e non superare determinate dimensioni

Caso

frequentare Caso

Le recidive sono però più frequenti soprattutto in caso di lesioni di dimensioni superiori ai 3 cm

“Nonostante le recidive siano più frequenti soprattutto in caso di lesioni di dimensioni superiori ai 3 centimetri rispetto all’approccio chirurgico tradizionale si legge sul sito di Humanitas la termoablazione percutanea dei tumori del fegato è associata a una minore mortalità e a un tasso di complicanze ridotto”

utilizzare Caso

Questo trattamento viene utilizzato in caso di tumori in fase precoce o di piccole dimensioni

Diagnosi

dopare Diagnosi

Inoltre dal momento che le metastasi epatiche si possono sviluppare mesi o anni dopo la diagnosi del tumore primario i controlli al fegato sono comuni per molti tipi di tumore primo tra tutti quello del colon retto anche dopo la sospensione delle terapie

Inoltre dal momento che le metastasi epatiche si possono sviluppare mesi o anni dopo la diagnosi del tumore primario i controlli al fegato sono comuni per molti tipi di tumore anche dopo la sospensione delle terapie

insistere Diagnosi

Ecco perché gli esperti insistono tanto sulla diagnosi precoce

Controllo

consentire Controllo

tenere Controllo

In tutti questi casi il fegato deve essere quindi tenuto sotto controllo

Intervento

precludere Intervento

Tuttavia non preclude un successivo intervento chirurgico

riscaldare Intervento

Come avvenuto all’ospedale di Chioggia a un paziente di età superiore ai 65 anni colpito da una grave lesione metastatica al fegato Un ago riscaldato e un intervento di pochi minuti

Metastasi

formare Metastasi

Perché questi tumori formano metastasi proprio nel fegato

avere Metastasi

Chirurgia

ricondurre Chirurgia

Sede

vagare Sede

Le metastasi danno segni di sé solo nelle fasi più avanzate con sintomi come debolezza inappetenza vaghi dolori nella sede del fegato alterazioni degli esami del sangue

diventare Sede

Si stima che circa il 60 70% dei tumori colorettali darà origine a metastasi epatiche e nel 20% dei casi il fegato è già diventato sede di metastasi al momento della diagnosi di tale tumore primario

Fattori

dipendere Fattori

L'incidenza di complicanze è invece piuttosto bassa inferiore al 5% e dipende da fattori come la dimensione dei tumori il numero di ablazioni il tipo di strumentazione utilizzata e l'esperienza di chi la esegue

comprendere Fattori

Tali vantaggi comprendono i seguenti fattori

Ecografia

mediare Ecografia

La massa è raggiunta inserendo appositi elettrodi monitorandone il percorso mediante ecografia

Possibilità

offrire Possibilità

Parte

dipendere Parte

È quindi una chirurgia che se messa in atto da mani esperte può conseguire ottimi risultati che però dipendono in parte anche dall’estensione della malattia e da altre caratteristiche quali sede e numero delle metastasi entità dell’interessamento epatico precocità della comparsa

E’ quindi una chirurgia che se messa in atto da mani esperte può conseguire ottimi risultati che però dipendono in parte anche dall’estensione della malattia e da altre caratteristiche quali sede e numero delle metastasi entità dell’interessamento epatico precocità della comparsa

Lesioni

mirare Lesioni

E’ inoltre insieme all’ecografia lo strumento di norma utilizzato per eseguire biopsie mirate di lesioni focali di natura incerta

differenziare Lesioni

è la metodica di diagnostica per immagini che ha dimostrato la massima accuratezza nel riconoscimento delle metastasi epatiche e nella capacità di differenziare lesioni epatiche di natura incerta

Stadio

condizionare Stadio

Tali percentuali sono condizionate dallo stadio della neoplasia

definire Stadio

Per le metastasi non esiste un vero e proprio sistema di stadiazione anzi in genere è proprio la loro presenza che aiuta a definire lo stadio del tumore primario

Anestesia

richiedere Anestesia

Mesi

richiedere Mesi

Ricordiamo infatti che il fegato ha la capacità di rigenerare se stesso ritornando alle dimensioni e alle funzioni iniziali dopo un intervento chirurgico ma che questo processo richiede alcuni mesi

Ricordiamo infatti che il fegato ha la capacità di rigenerare se stesso ritornando alle dimensioni ed alle funzioni iniziali dopo un intervento chirurgico ma che questo processo richiede alcuni mesi

Durata

determinare Durata

Il fegato rappresenta la sede più frequente di metastasi da carcinoma colorettale e nella maggioranza dei casi l’interessamento epatico determina la durata e la qualità di vita del paziente

Il fegato rappresenta la sede più frequente di metastasi da carcinoma colorettale e nella maggioranza dei casi l'interessamento epatico determina la durata e la qualità di vita del paziente

Tutte Le Metastasi

completare Tutte Le Metastasi

Funzioni

compromettere Funzioni

Con il passare del tempo però la presenza di metastasi può compromettere le funzioni del fegato e dare sintomi come febbricola sensazione di pesantezza nella parte alta dell’addome dolore al fianco destro stanchezza perdita di peso e di appetito nausea ittero confusione mentale

Con il passare del tempo però la presenza di metastasi può compromettere le funzioni del fegato e dare sintomi come febbricola sensazione di pesantezza nella parte alta dell'addome dolore al fianco destro stanchezza perdita di peso e di appetito nausea ittero confusione mentale

Vena

venire Vena

L’esame non utilizza radiazioni ionizzanti e necessita della somministrazione di un mezzo di contrasto particolarmente adatto per lo studio del fegato che viene iniettato in vena

chiamare Vena

il sangue che alimenta l'intestino è collegato direttamente al fegato da un grosso vaso sanguigno chiamato vena porta una via di accesso privilegiata anche per le metastasi

Quantità

preservare Quantità

In generale l’intervento chirurgico consiste nella asportazione della lesione tumorale e di una porzione circostante di fegato affinché vi sia almeno 1 cm di tessuto sano tra il margine del tumore e la linea di sezione del fegato sebbene in condizioni particolari sia accettabile anche un margine di tessuto sano meno spesso se ciò può consentire l’asportazione completa del tumore preservando quantità sufficienti di fegato

L'intervento consiste nella asportazione della lesione tumorale e di una porzione circostante di fegato affinché vi sia almeno 1 cm di tessuto sano tra il margine del tumore e la linea di sezione del fegato sebbene in condizioni particolari sia accettabile anche un margine di tessuto sano meno spesso se ciò può consentire l'asportazione completa del tumore preservando quantità sufficienti di fegato

Dolore

provocare Dolore

Necrosi

determinare Necrosi

Essere

dopare Essere

Tutti i commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list vedere il punto 3 della nostra policy

Epatica

eseguire Epatica

Per eseguire una resezione epatica del tumore sono infatti necessarie diverse condizioni

Possibile

dimostrare Possibile

Studi recenti dimostrano che una possibile dimensione limite per la efficacia è di 5 cm

Numero

precisare Numero

Si utilizza in casi selezionati dopo la TAC o in alternativa alla stessa per una più precisa definizione del numero della sede e della natura delle lesioni in particolare a fronte di specifici programmi terapeutici

Tecniche

definire Tecniche

Tali terapie presentano però una limitata capacità di migliorare e prolungare la sopravvivenza tanto da essere ormai definite come tecniche palliative o terapie «secondarie»

Tessuto

confinare Tessuto

le Microonde hanno un raggio di azione confinato nel tessuto

Rispetto

avere Rispetto

Nei casi in cui non c’è una completa ablazione si è notato che il ritrattamento precoce non inficia la o ‘influisce sulla’ sopravvivenza dei pazienti che hanno sopravvivenza identica rispetto ai paziente in cui la lesione è stata trattata in modo efficace fin dall' inizio

Tipo

sfruttare Tipo

Un vantaggio che i chirurghi possono sfruttare in questo tipo di interventi è la capacità del fegato di rigenerarsi

Grazie

precisare Grazie

come radioterapia esterna oggi molto precisa grazie alle nuove tecnologie e strumentazioni

Interventi

attraversare Interventi

È anche possibile programmare di asportare tutte le metastasi attraverso due interventi a distanza di 1 2 mesi “two stage hepatectomy” per consentire al fegato di rigenerare tra un intervento e il successivo o a distanza più ravvicinata attraverso una nuova procedura riservata a casi molto selezionati chiamata ALPPS Associating Liver Partitioning and Portal vein ligation for Staged hepatectomy

Presenza Di Metastasi

escludere Presenza Di Metastasi

Una volta posta la diagnosi è necessario sia valutare più accuratamente la situazione a livello epatico sia escludere la presenza di metastasi in altre sedi

Calore

esercitare Calore

L’impiego della termoablazione nel trattamento dei tumori epatici sfrutta l’effetto necrotizzante esercitato dal calore sui tessuti biologici

Mammella

reggere Mammella

Le metastasi epatiche non saranno quindi cellule del fegato ma di altri organi come per esempio il colon il retto o la mammella

Team

spiegare Team

“Possiamo intervenire in maniera mininvasiva con una piccola incisione di 2 3 millimetri e calibrare il tipo di risposta a seconda della neoplasia spiega il team di medici di Chioggia

Organi

interessare Organi

In genere il coinvolgimento del fegato fa parte di un processo più esteso che interessa anche altri organi come polmoni ossa encefalo

Morte

colpire Morte

Un’antenna veicola l' energia trasmessa dal cavo e la porta direttamente a livello tissutale cioè nel fegato colpendo a morte le cellule tumorali ablazione

Intervento Chirurgico

precludere Intervento Chirurgico